lunedì, gennaio 16, 2006

e tutto da un'e-mail!




Sabato 14 gennaio.
Milano.
Piazza Duca d'Aosta (alla stazione, insomma).
Piazza Repubblica, Turati, Manzoni, Duomo.
Sono centcinquantamila (molte meno per la questura) le persone di tutte le età, maschi e femmine, italiani e stranieri che si sono mossi a passo lento per un tragitto anche relativamente coto...
Puntavano forse, gli organizzatori, sul numero dei partecipanti...
E ci hanno azzeccato!
Ore 14.00, 14.10.
La manifestazione, la prima dell'anno, prende il via, incredibile dictu, in orario.
Alle 15.30 noi eravamo ancora alla fine di repubblica e già in Duomo iniziava il comizio.
Donne e uomini legati da un solo obbiettivo: "siamo uscite dal silenzio" "Libere di scegliere"...
Perchè, sì, è vero che la manifestazione era in difesa della legge sull'aborto ("una delle poche leggi giuste in Italia" a detta della Bonino), ma se la si vuole leggere nel suo significato più ampio, credo, si possa affermare senza alcun problema che non era solo per riaffermare, ancora una volta, il desiderio di poter scegliere autonomamente e liberamente se abortire.
Ero eccitatissimo, lo ammetto, non penso di aver mai visto così tanta gente ad una manifestazione, così tanta gente motivata a difendere un qualcosa di cui tutti dovremmo godere...
LIBERTA' DI SCEGLIERE...
in tutto e su tutto, nel rispetto delle leggi.
E quì si risolleva un problema fondamentale, da non sottovalutare nemmeno nei paesi "avanzati", "occidentali, "del primo mondo"...
E' stato bellissimo....se ci ripenso mi viene da sorridere. A Milano? Centocinquentamila persone che si sono svegliate e hanno deciso di farsi sentire?
Già, incredibile, no?!
Libertà di abortire è libertà di poter dire liberamente quello che si pensa, è l'esigere lo stato laico, che la Costituzione, e non un post-it appiccicato da qualche parte, tutela e sostiene (art. 7 "Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel PROPRIO ordine, INDIPENDENTI e sovrani").
E noi ci teniamo a difendere questo nostro diritto e, sabato, l'abbiamo dimostrato...e con forza!!

6 Comments:

Blogger Ari17 said...

Anche perchè la manifestazione,per come l'abbiamo vissuta noi, è stata il massimo!!! Troppo bella!!!
Un ottimo pomeriggio, grazie per avermi quasi costretta a venire, non me ne sono pentita (anche se è soprattutto merito di chiara, è stata lei a convincermi)!!!

ciao, xox

Ari17

P.S.: io l'ho sempre letto "aridiciassette", però non sta male neanche seventeen, la cosa importante è che il numero sia quello!!!

7:42 PM  
Blogger "che"_sto_anch'io said...

scusa ma le foto sono le mie giusto? no, perchè sotto ho metto il copyright, comunque tienile pure... era giusto per sapere

11:20 PM  
Blogger Ricchettauz said...

basta che non lo dici a quelid el collettivo...che se no li ritrovo a elogiarmi per l'attacco al copyright!!

cmq grazie, anche se in ritardo!!

3:54 PM  
Blogger peanutbutter&jelly said...

il tuo commento mi ha messo in crisi!

1:48 PM  
Anonymous Anonimo said...

Nonostante tutto la gente c'è.
Con una consapevolezza e una maturità che richiederebbe ben altra rappresentanza politica, ma tant'è, ci è toccato tornare in piazza ma lo avremmo fatto volentieri per dire forte che non vogliamo "morire" di tristezza e di "povertà".
E' bello anche avre visto tanti giovani donne e uomini. C'é speranza!!!!
Mingo

6:26 PM  
Blogger Enrico said...

Il clero non m'è mai stato particolarmente simpatico, fondamentalmente per il freno culturale e tecnologico che rappresenta per il nostro Stato dall'aborto, alla ricerca embrionale fino al nucleare (non scherzo eh!). Una possibile soluzione potrebbe anche essere il confino della Città del Vaticano su un atollo sperduto nel Pacifico o quantomeno a Malta!

7:15 PM  

Posta un commento

<< Home