sabato, aprile 21, 2007

Rispolvero tra le bozze e soffio via un po' di polvere da soffitta.

Spain 2006
Conil de la frontera


1 cafè con helo, 1 tortillas de patatas, un bocadillos con tortillas de patatas y un zumo de naraña (naranha, mi raccomando, non naragna). dos cafè con helo, tres, quatro, cinco.... Più o meno così tutte loe volte, e non solo per il caffè...

Dodici piccoli italiani accampati (più che bene) al "Los eucaliptos", che mannaggia a loro ( agli eucaliptos) elevano all'ennesima potenza il rumore del vento e ti fanno credere di stare sempre all'interno di un ciclone... Beh, l'allegra compagnia ( non sempre allegra, ma non troppo menosa!) ha poltrito nel verso senso della parola per due settimane.

Chiariamo bene le cose, non ha puramente oziato: si è solo concessa il piacere del non far nulla riempiendo le ore della giornata (che in spagna per magia si dilata anche alla nottata) con azioni e operazioni da vacanza, ossia da "faccio, ma sono pigro e uindi faccio qualcosa che non intacchi la mia pigrizia e, possibilmente, non mi faccia alzare da dove sono"!
Non male come cosa, per quanto mi riguarda!

Tra tentativi di inventare sport improbabili, sbandieramenti dell'orgoglio nazionale (e intanto siamo campioni del mondo: "merci Zizou, merci merci monsieur Zizou"), drinks nei locali cool della city (cool è esagerato, ma anche city), learning di chitarra per almeno metà del gruppo, conoscenza di nuovi amici, espressione completa della demenza italiana, prove di mimetizzazione nel panorama cultural-tradizionale spagnolo, sparizioni di alcuni membri del gruppo ancora non del tutto spiegate, tentativi di imitare le grandi famiglie circensi e Mr. Playboy, viaggi in oltreoceano improbabilissimo, conoscenza (a volte molto, troppo ravvicinata) con la fauna locale, distorsioni (per usare un eufemismo) orribili della cucina italiana, che tanto orribili non erano (anche se si sa, noi mangiamo di tutto!.

Gite mirabilanti (poche, cioè, una) in paesi stranieri (cioè ancora più stranieri della terra ispanica); lotte contro il vento e gli scherzi delle sedie nella sabbia, sguardi sbigottiti riservati ai vigili conileñi; avventure finite male o bene con lo strumento di torntura più classico: le bolas; tentativi di mettere su uno spettacolo/recita/cabaret/circo/dotto-e-divertente-racconto-di-vita-vissuta sfumato tra una succhiatine e l'altra di latte condensato e la sgranocchiatina di un digestive scrauso (che poi non si capisce da cosa derivi il nome, visto che è tra i biscotti più pesi che ci siano). Sonnecchiatine in ogni dove e interminabili pranzi sotto il sole cocente ad ordinare un caffè alla volta per far passare il tempo e con due bottiglie d'acqua ciascuno; scottature più o meno memorabili (retaggio forse dell'Elba, senza però le spellature a quattro mani alla luce del sole davanti a tutti); avventure con la lingua: commistione impossibile di incomprensioni (che poi bandera e bandiera sono uguali, quindi...) nonchè psicologico rifiuto di capire lo straniero (se volevano io potevo anche no pagare, che me ne fotte...); autostop avventurosi contro un pomeriggio passato a veder passare i bus troppo pieni per accogliere anche noi; fango per farsi belli e ricerche avventurose di maneggi inesistenti, poi esistenti, ma da tutt'altra parte.

Un braccialetto verde per tutti.

Ma siamo noi, solo noi!

6 Comments:

Blogger Kay said...

Grazie. I ricordi e le risate fanno sempre bene, quindi grazie

10:38 AM  
Anonymous Manu said...

Beh, sì, è tutto vero. Come molte altre cose...!

7:44 PM  
Anonymous Marta said...

XD

Bello bellissimo.

Mi ricordo una notte, una di quelle notti buuuuie e tempestoooose (tipo oggi!) , in cui il vento era così forte e scuoteva così tanto il nostro bungalow che mi aspettavo, una volta fattasi mattina, di ritrovarmi a dormire per terra.

Ma ahimè, la nostra cara casa dolce casa rimase intatta, fortunatamente per tutti ;)

Auguri!!!

9:18 PM  
Anonymous Anonimo said...

mhm perchè forse non sai/sapete l'angoscia che mette vedervi così circondati di Vita, voialtri. Vedervi che partite, viaggiate eccetera.
Insomma,
ciau!

9:30 PM  
Anonymous Anonimo said...

Non sei la sola ad essere angosciata....

(Scusa Richi per avere invaso il tuo blog!!)

3:06 PM  
Blogger Ricchettauz said...

aspettate, am chi siete??

6:58 PM  

Posta un commento

<< Home